Press Room

Giochi, tra il 2010 e il 2015 all’Erario oltre 52,6 miliardi di euro


Giochi, tra il 2010 e il 2015 all’Erario oltre 52,6 miliardi di euro

Il sistema italiano dei giochi pubblici con vincita in denaro nel 2015 ha registrato una raccolta di 87,71 miliardi di euro, pagando vincite ai giocatori per 70,98 miliardi e garantendo entrate erariali per 8,86 miliardi. La restante quota, circa 7,87 miliardi di euro, ha garantito la remunerazione di tutte le imprese attive nell’offerta di gioco.
La spesa effettiva del gioco tra il 2010 e il 2015 – riporta Agimeg – risulta stabile e, in termini assoluti, nel periodo è stata di 17 miliardi di euro medi annui. La spesa unitaria sostenuta dai giocatori per intrattenersi con i prodotti legali, tra il 2010 e il 2015, è, comunque, progressivamente diminuita, in continuità con i trend registrati negli anni precedenti: nel 2010 a fronte di una raccolta di gioco pari a 1 il costo per il giocatore era di 0,28 mentre nel 2015 è stato solo di 0,19.
Tra il 2010 e il 2015 il 51,6% delle risorse generate dall’offerta di prodotti di gioco (la spesa effettiva) è stata destinata all’Erario. La restante parte (48,4%) ai soggetti che, tramite la loro attività imprenditoriale, gestiscono l’attività di gioco impiegando 200 mila addetti.
Nel periodo 2010-2015 l’erario ha maturato ed incassato introiti per 52,6 miliardi di euro, con valori medi annui che hanno sfiorato gli 8,8 miliardi di euro. Di questi circa 0,5 miliardi di euro sono stati percepiti dall’Agenzie delle dogane e dei monopoli a titolo di canoni di concessione e, in via residuale, da altri soggetti pubblici (ad esempio il Mipaaf nel comparto dell’ippica). Nel 2015 l’erario ha contabilizzato, inoltre, introiti addizionali, pari a 500 milioni di euro, per effetto dell’applicazione delle disposizioni della legge di Stabilità 2015 che hanno stabilito la riduzione dei compensi destinati alla filiera del solo comparto degli apparecchi da intrattenimento.
ENTRATE ERARIALI 2010/2015 PER COMPARTO DI GIOCO

(mln di €)
2010
2011
2012
2013
2014
2015

Giochi numerici a quota fissa
1.249
1.737
1.134
1.210
1.114
1.179

Giochi numerici a totalizzatore
1.582
1.085
818
644
551
489

Lotterie
1.732
1.534
1.601
1.486
1.462
1.353

Giochi a base sportiva
234
201
188
177
195
232

Giochi a base ippica
318
250
193
154
123
113

Virtual betting



1
39
38

Bingo
235
232
212
200
195
192

Giochi ADI
3.850
4.072
4.286
4.494
4.434
5.149

Poker e skill games
99
104
87
57
47
42

Casino games

11
32
52
56
72

Erario
9.298
9.227
8.551
8.474
8.216
8.858

 
Oggi, al netto delle sovrapposizioni tra la rete AWP e rete VLT, i punti vendita ove sono presenti apparecchi da gioco sono circa 85.000. Di questi sono quasi 4.863 i punti di gioco specializzati ove sono presenti VLT.
NUMERO APPARECCHI DA INTRATTENIMENTO 2010-2015

 
2010
2011
2012
2013
2014
2015

NOE AWP (al 31/12)
387.300
397.700
417.100
410.700
363.200
418.200

NOE AWP (medi)
385.000
392.500
407.400
413.900
386.950
390.700

CIV VLT (al 31/12)
10.000
34.900
47.000
51.100
51.000
53.300

CIV VLT (medi)
1.500
22.450
40.950
49.050
51.050
52.150

BENCHMARK DISTRIBUZIONE APPARECCHI 2015 PER TIPOLOGIA DI SALE

2015
ITALIA
UK
SPAGNA
GERMANIA

Popolazione (mln)
60,7
64,5
47,2
82,6

Numero slot attive sul territorio
390.700
220.000
280.000
240.000

Popolazione / Numero slot
155
293
169
344

Slot in punti specializzati
27%
70%
20%
74%

Slot in punti non specializzati
73%
30%
80%
26%

Le filiere AWP e VLT presentano “significative” differenze ma “per entrambi i prodotti, il collegamento telematico tra i punti di offerta del gioco (rete distributiva) ed i sistemi centrali di controllo dello Stato è realizzato dai concessionari, a fronte di un compenso il cui valore è definito nella convenzione di concessione in combinazione con le disposizioni fiscali sul prodotto. In entrambe le filiere di gioco AWP e VLT, ai diversi soggetti parte delle stesse spetta un compenso per l’attività svolta”. lp/AGIMEG
 RIPARTIZIONE % DELLA RACCOLTA ADI (2015)

(%)
VINCITE
ERARIO
CANONI + DEPOSITO CAUZ.[1]
FILIERA

AWP
74,4%
13,0%
0,8%
11,8%

VLT
88,7%
5,0%
0,8%
5,5%

Di tale compenso al concessionario è residuata una quota netta pari allo 0,2% della raccolta di gioco sul prodotto AWP e al 2,2% sul prodotto VLT.
RIPARTIZIONE % 2015 DEI COMPENSI DI FILIERA ADI 

(%)
CONCESSIONARIO
GESTORE
ESERCENTE
TOTALE

AWP
0,2%
4,6%
7,0%
11,8%

VLT
2,2%
 
3,3%
5,5%

Data di pubblicazione: 
Tuesday, September 6, 2016 - 5:24pm