Press Room

Gamenet Group completa l'acquisizione del 100% di Goldbet


Gamenet Group completa l'acquisizione del 100% di Goldbet

Gamenet Group S.p.A. (la “Società” ed insieme alle società dalla stessa controllata, il “Gruppo Gamenet”) annuncia che la società interamente controllata Gamenet S.p.A. ha completato in data odierna l’acquisizione del 100% del capitale sociale di GoldBet S.r.l. (“GoldBet”), già annunciata al mercato in data 24 luglio 2018 (l’“Acquisizione”).

GoldBet, società autorizzata alla raccolta di giochi e scommesse in Italia, gestisce una rete fisica di 990 negozi scommesse ed è titolare della concessione per la raccolta di giochi e scommesse “online”, incluse piattaforme mobili.

GoldBet ha chiuso l’esercizio 2017 con un EBITDA pari a Euro 41 milioni, un EBIT di Euro 35 milioni, un risultato netto pari a Euro 23 milioni ed ha generato un EBITDA pari ad Euro 54 milioni per il periodo di 12 mesi chiuso al 30 giugno 2018[1].

Il controvalore dell’Acquisizione è pari a circa Euro 273 milioni (il “Prezzo”)[2]. Di tale importo, circa Euro 247 milioni, al netto di taluni costi assunti dal venditore, sono stati corrisposti per cassa in data odierna (il “Closing”), ed Euro 25 milioni saranno corrisposti successivamente, in quanto componenti di prezzo differito, in un arco temporale di medio periodo, subordinatamente al verificarsi di determinate condizioni previste nel contratto di acquisizione.

L’Acquisizione consentirà al Gruppo Gamenet di assumere una posizione di leadership in Italia nel settore dei giochi in multi-concessione, in particolare nel settore delle scommesse sportive, e di aumentare in maniera significativa il grado di diversificazione del portafoglio prodotti e la profittabilità, a livello di EBITDA, EBIT e risultato netto.

Dall’integrazione di GoldBet, la Società stima di poter realizzare importanti sinergie di costo, con un conseguente effetto migliorativo dell’EBITDA in via ricorrente a partire dall’esercizio che chiuderà al 31 dicembre 2020, pari a circa Euro 14,9 milioni (le “Sinergie[3]”), e anche rilevanti sinergie a livello di ricavi, in particolare sul virtual betting; nello specifico, per il periodo di dodici mesi chiuso al 30 giugno 2018, l’EBITDA pro forma rettificato run rate della Società per tener conto delle Sinergie e dell’effetto netto negativo di altri stimati effetti minori pari a circa Euro (0,8) milioni, sarebbe stato pari a Euro 157,9 milioni, mentre il Margine di Contribuzione pro forma rettificato run rate per tener conto delle Sinergie sarebbe stato pari a Euro 235,2 milioni[4]. Si precisa che la stima delle suddette informazioni pro forma non considera gli attesi benefici di ricavi precedentemente indicati.

L’Acquisizione di GoldBet è stata finanziata per la maggior parte della quota parte del Prezzo corrisposto al Closing tramite il prestito obbligazionario senior garantito non convertibile, con scadenza nel 2023, e riservato a investitori qualificati, la cui emissione è stata annunciata dalla Società in data 10 settembre 2018, mentre la restante parte è stata finanziata con risorse proprie. Non è stato, invece, utilizzato il finanziamento c.d. committed bridge che gli istituti di credito Unicredit S.p.A. e Nomura Bank International plc hanno concesso alla Società.

Il Closing segue l’avveramento delle usuali condizioni sospensive per questo genere di operazioni, tra le quali si segnalano l’approvazione dell’operazione da parte dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, avvenuta in data 17 settembre 2018 e l’autorizzazione dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, rilasciata in data 2 agosto 2018.

Le guidance di EBITDA per l’esercizio 2018 di Gamenet Group, senza tener conto degli attesi effetti positivi connessi al consolidamento di GoldBet, sono sostanzialmente in linea con quanto in precedenza comunicato dalla Società.

 

[1]     Le informazioni relative all’EBITDA, EBIT e risultato netto di GoldBet sono state elaborate/estratte dal bilancio di GoldBet relativo all’esercizio chiuso al 31 dicembre 2017 e dalla relazione semestrale di GoldBet al 30 giugno 2018, predisposte in conformità alle norme del Codice Civile che ne disciplinano la predisposizione così come interpretate dai principi contabili emanati dall’Organismo Italiano di Contabilità (“ITAGAAP”). L’EBITDA e l’EBIT non sono indicatori di performance secondo gli ITAGAAP, presentano dei limiti come strumenti di analisi e non devono essere considerati isolatamente.

[2]     Il Prezzo tiene conto della posizione finanziaria netta di Goldbet, così come definita contrattualmente, al 30 giugno 2018.

[3]     Le Sinergie si basano su un insieme di ipotesi di realizzazione di eventi futuri e di azioni che dovranno essere intraprese da parte degli Amministratori, che includono, tra le altre, assunzioni ipotetiche, relative a previsioni di eventi futuri, azioni degli Amministratori e del management della Società che non necessariamente si verificheranno e da variabili non controllabili o controllabili solo in parte dagli Amministratori e su un insieme di ipotesi di natura discrezionale dipendenti da iniziative degli Amministratori della Società. Tali assunzioni sono state individuate dagli Amministratori della Società come parametri chiave per il raggiungimento delle Sinergie, ancorché legate ad azioni degli Amministratori della Società, risultano influenzate in una certa misura da fattori al di fuori della loro influenza. La stima delle Sinergie si basa su una serie di assunzioni basate sulle informazioni a disposizione della Società e sui giudizi del management formulati su tali informazioni. Le informazioni disponibili sono preliminari e le ipotesi utilizzate nella stima delle Sinergie e dei costi associati relativi all’integrazione di GoldBet nel Gruppo sono intrinsecamente incerte e sono soggette a un’ampia gamma di rischi e incertezze di business, economici e competitivi. Va inoltre tenuto presente che a causa dell’aleatorietà connessa alla realizzazione di qualsiasi evento futuro, sia per quanto concerne il concretizzarsi dell’accadimento sia per quanto riguarda la misura e la tempistica della sua manifestazione, gli scostamenti fra i valori consuntivi e i valori preventivati delle Sinergie potrebbero essere significativi, anche qualora le suddette assunzioni, si manifestassero.

[4]     Le informazioni pro-forma sono state elaborate al fine di riflettere retroattivamente al 1 luglio 2017 gli effetti de (i) l’Acquisizione e, (ii) delle Sinergie (di seguito i “Dati Finanziari Pro-forma”). I Dati Finanziari Pro-forma rappresentano una simulazione, fornita ai soli fini illustrativi, dei possibili effetti che potrebbero derivare dalle operazioni sopra menzionate. In particolare, poiché i dati pro forma sono costruiti per riflettere retroattivamente gli effetti di operazioni successive, nonostante il rispetto delle regole comunemente accettate e l’utilizzo di assunzioni ragionevoli, vi sono dei limiti connessi alla natura stessa dei dati pro forma; pertanto, si precisa che qualora le suddette operazioni fossero realmente avvenute alla date ipotizzate, non necessariamente si sarebbero ottenuti gli stessi risultati rappresentati nei Dati Finanziari Pro-Forma. In ultimo, si segnala che i Dati Finanziari Pro-forma non intendono in alcun modo rappresentare una previsione dei futuri risultati della Società e non devono pertanto essere utilizzati in tal senso.